La parola Motiv-azione deriva dal latino motus, ovvero movimento e indica ciò che ci spinge a compiere una determinata azione o a seguire un determinato obiettivo e scopo con continuità nel tempo .
E’ il motivo che ti porta all’azione, è la tua chiamata ad agire o a reagire, in sostanza sono i tuoi “perché”.
Possiamo essere stimolati sia da motivi interni come i nostri bisogni, emozioni e desideri e sia da motivi esterni come ricompense ed incentivi.
Credo nella forza della motivazione perché il cambiamento inizia proprio dalle nostre motivazioni più profonde, quelle di pancia e di cuore ed è poi supportato dal lavoro mentale. Infatti i nostri pensieri determinano i nostri comportamenti e di conseguenza le nostre azioni.

Ti capita mai di sentirti appesantito dopo un pasto e in quel caso di fare pensieri meno produttivi e stanchi?
Se si, è molto probabile che i tuoi pensieri riflettono lo stato fisico ed emotivo in cui ti trovi, vivendo sensazioni di debolezza e affaticamento dovuto alla digestione di certi cibi.
Sono convinta che la qualità del cibo che mangiamo influenza la qualità della nostra vita e quindi anche dei pensieri che facciamo e dell’energia che ne possiamo trarre.
Lo sto provando sulla mia pelle, da quando ho scelto di nutrirmi senza carne, pesce e derivati animali e da quando ho scelto l’argomento “Alimentazione, pensieri ed emozioni: la loro attività sul sistema immunitario” come parte della mia tesi.
Tra poco infatti terminerò il percorso di studi di Nutritional & Cooking Consultant e sosterrò l’esame per ottenere il diploma in Consulente nutrizionale. Non vedo l’ora!

Le motivazioni per un cambio di alimentazione, per mettersi a dieta o per volere adottare uno stile di vita più sano possono essere tante, certo ognuno ha le sue, religiose, etiche e di salute.
Per esperienza personale mi sono accorta che chi inizia una dieta o intraprende la strada dell’alimentazione Vegetariana e Vegana, si trova ad affrontare diverse sfide e resistenze sociali, a volte anche da parte di familiari e amici.
Spesso perdiamo la motivazione perché non sappiamo come definire i nostri obiettivi in maniera chiara e condivisa, a volte abbiamo obiettivi troppo vaghi e difficili da misurare, come “voglio cambiare alimentazione”, “non voglio mangiare più carne”, “devo rimettermi in forma”, “voglio dimagrire” e questo ci può portare a perdere la bussola e a ritornare indietro.
Per questo occorre forza di volontà, impegno costante, saper gestire le proprie emozioni, capire e far valere i propri valori ed opinioni, condividere i propri bisogni con una comunicazione efficace, semplice ed assertiva, sia con sé stessi e con gli altri.
Pensa a come vuoi essere, usa la tua immaginazione e visualizza come ti vuoi sentire, che peso vuoi raggiungere, quali alimenti vuoi escludere e quali aggiungere dalla tua tavola, quali commenti ti piacerebbe sentire dagli altri quando ti vedranno cambiato..
Sul potere della visualizzazione leggi anche il mio precedente articolo: https://enricanardi.com/2015/10/01/credi-nel-potere-della-visualizzazione/?preview_id=1221&preview_nonce=c0d0173a55&_thumbnail_id=1430&preview=true

Ammetto che qualche anno fa mi sarebbe piaciuto trovare incluso nella mia scelta di cambio alimentazione, il libretto delle istruzioni.
Sarebbe stato bello incontrare insieme alla Nutrizionista, anche un Coach professionista con il quale cominciare un percorso per colmare la mia mancanza di sicurezza, trovare una risposta immediata ai miei mille dubbi, riscoprire con più facilità le risorse necessarie per credere in me stessa e anche per mantenere i risultati raggiunti.
Trovo che un percorso di educazione e consulenza alimentare che interviene con tecniche di Coaching sia efficace e soprattutto completo perché prende in considerazione diversi aspetti.
Ad esempio attraverso il mio lavoro di Coach, offro un servizio di “accompagnamento e guida” passo dopo passo per rendere reale i cambiamenti delle persone, dal cominciare ad eliminare eventuali blocchi e vecchie convinzioni, adottare nuovi comportamenti, affrontare imprevisti con l’obiettivo di renderle autonome nel portare avanti le loro scelte.
Inoltre grazie alla parte di consulenza alimentare, vi è un aspetto di “scoperta e curiosità” sul cibo principalmente a base vegetale e su come funziona il nostro corpo. Scopriremo come imparare a fare la spesa in modo corretto, quali sono le fonti migliori di nutrimento e conosceremo nuovi piatti e nuovi ingredienti.

Sono molto interessata alla connessione fra l’alimentazione e tutte le altre componenti della vita come lavoro, relazioni, attività fisica, felicità gioia, stress e in particolare al rapporto che c’è tra il cibo, emozioni e spiritualità. Spesso non diamo ascolto al nostro corpo, eppure ci manda sempre dei messaggi.
Sono convinta che ognuno di noi, a qualsiasi età, può decidere di intraprendere uno stile di vita più sano, mettendo in pratica cambiamenti per il proprio “stare bene”, facendo nascere dentro di sé coscienza e consapevolezza su quello che mangia e soprattutto sull’importanza di quanto il cibo sia importante e di quanto rappresenti il nostro strumento per essere in buona salute.
Un punto fondamentale per questo percorso è Amarsi.
E’ infatti da questo Amore per noi stessi, per la vita e per tutto ciò che ci circonda che può nascere una grande motivazione e quando a muoverci è l’Amore, tutto diventa più facile!
Credo che ognuno sia libero di cominciare qualsiasi tipo di percorso che possa riguardare la propria crescita personale così come l’alimentazione e la propria salute, verificare se e cosa funziona meglio per sé.
Nello stesso tempo se ci sentiamo pronti e decidiamo di iniziare un miglioramento, qualsiasi esso sia, significa che quello è il segnale che stiamo cominciando ad amarci veramente.

Buon ascolto e amore per tutti!

Fammi sapere se ti è piaciuto questo articolo e contattami per una consulenza.
Enrica

Se ti é piaciuto condividilo con gli amici e familiari.


Commenti Facebook

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.